Stop ai maxi conguagli nelle bollette relativi a consumi di molti anni fa.

Una importante novità è stata introdotta nella Legge di Bilancio 2020. Già dal 1 gennaio di questo anno, gli utenti di luce, gas e acqua (che appartengono alle tipologie indicate dalla legge e dalla regolazione vigente) hanno potuto eccepire, “in ogni caso”, la prescrizione delle cifre fatturate relative ai consumi più vecchi di due anni.

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha già provveduto ad integrare l’informativa che i venditori ed i gestori dovranno “presentare” ai consumatori nelle proprie fatture anche se sia stata già avviata una procedura di messa in mora o semplicemente una risposta ai reclami e alle informazioni.

Occorre sottolineare come prima della legge di Bilancio 2020 la prescrizione per i consumi relativi al consumo superiore ai 2 anni fosse esclusa qualora la mancata o erronea rilevazione dei dati derivasse da una responsabilità imputabile all’utente.

I gestori e i venditori, quindi, dovevano emettere una fattura separata nella quale erano indicati gli importi dei consumi che risalivano a periodi superiori ai 2 anni oppure dovevano evidenziare, all’interno delle fatture nelle quali erano presenti cifre non soggette alla prescrizione, questi importi in maniera tale che fossero comprensibili per il consumatore.

L’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente ha predisposto, per tutti gli utenti, un vero e proprio tutorial (fonte investireoggi.it) grazie al quale si potrà valutare la tariffa per la luce e gas più adatta alle nostre esigenze, consentendoci di risparmiare. L’utente, per accedere a tale servizio, non dovrà fare nient’altro che digitare la parola ilportaleofferte.it e a questo punto dovrà “spuntare” la voce delle offerte di luce, gas e duel fuel (ovvero, i contratti che danno la possibilità di ottenere attraverso, appunto, un unico contratto, la fornitura congiunta di elettricità e gas dallo stesso venditore/gestore) che si vogliono comparare, al fine di arrivare alla scelta più consona alle proprie esigenze. Eseguita questa semplice operazione preliminare, sarà sufficiente inserire il proprio CAP e compilare una scheda nella quale verrà richiesto che tipo di offerta vogliamo venga visualizzata (prezzo fisso, prezzo variabile, offerta per la prima casa o per la seconda casa ecc.). Fatto questo, selezioneremo il livello di potenza più adatto alle nostre esigenze, le caratteristiche dell’offerta e nel caso della luce anche se si desidera la tariffa monoraria o quella bi-oraria. Infine,verrà chiesto al consumatore di inserire una stima del consumo annuo che sarà presente nelle fatture. A questo punto, siamo pronti per visualizzare le offerte migliori in relazione alle preferenze che abbiamo inserito.

Share